AdR 96 – E arrivò Pacific Rim

Potrebbero interessarti anche...

9 Risposte

  1. Markuz ha detto:

    Ma non c’è un omaggio a Totò?

  2. OSSO ha detto:

    Piccola nota: di giapponese c’è il combattimento del Coyote Tango durante il flashback della pilotessa, ambientato a Tokyo.

    L’umorismo c’è, solo che non è palese: la citazione-parodia dei vecchi cartoni Nagaiani è per esempio presente nel fatto che appunto il Gipsy Danger se ne va in giro per Honk Hong trascinandosi dietro una petroliera, facendo danni per miliardi di dollari, mentre avrebbe potuto usare fin da subito le spade.

    Che il finale sia telefonato dopo un minuto mi pare abbastanza accettabile, al contrario di “Angeli e Demoni” in cui si capisce chi è il cattivo dopo 5 minuti di film (roba che sarebbe dovuta rimanere un mistero fino all’ultimo).

    E’ l’Independence Day con i robottoni e come tale merita di essere nella adesso “TOP SEVEN” di OSSO. Non ci sono cazzi 🙂

    • ayana ha detto:

      fianlmente un commento serio 🙂 grazie osso! almeno qlcuno le legge ste recensioni (ovviamente grazie anche a lw).
      no, nn sn d’accordo: di nagai c’è poco nulla. nagai era ironico, invece qui di ironia nn c’è proprio traccia. il fatto che demoliscano mezza città prima di usare delle armi (mi purdevano le mani nel vederlo) effettivamente fa tokusatsu, ma nel tokusatsu era tutto più da “paladino della giustizia”, da eroe e roba dell’onore alla nipponica. in pacific rim nn ritrovo nessuna di qst cose.
      per me è solo una citazione da sborone e nulla più.
      ricordo che avevi detto che era l’indip-day coi robottoni 😀
      però indip-day era moooolto più ingenuo. qst mi sa un po’ di trovata commerciale… è anche vero che ci sn quasi 20 anni tra i due film. paragonarli è difficile.
      grazie a dio per ora nn ho visto angeli e demoni. ho letto il libro e penso mi sia bastato 😉

      • Markuz ha detto:

        Non ho visto il film, non intendo perdere tempo a vederlo e non so una fava di giappone… però ho letto “Angeli e Demoni” e mi rifiuto di vedere il film per 3 motivi: – se il cattivo si capisce dopo poche pagine del libro e (mi confermate che) nel film è ancora più evidente allora è inutile vederlo (essendo un thriller); 2 – sapendo come va a finire il libro (a prescindere dalla scoperta del cattivo, non voglio spoilerare la scena) non voglio vedere siffatta cagata; 3 – mi è bastato vedere come hanno rovinato “Il codice Da Vinci”, che forse è l’unico libro “valido” di Dan Brown

      • OSSO ha detto:

        Magari ho visto i cartoni di Nagai con occhi da bambino occidentale, ma secondo me non erano ironici: erano al massimo “ingenui” ma si prendevano sul serio, come lo facevano i fumettti Marvel all’epoca: cosa che se li riguardi adesso dici “ma come cavolo facevano a entusiasmarmi-a credere a queste cose?!” (e te lo dice uno che si era messo a piangere alla fine del combattimento del Grande Mazinga contro il Generale Nero perchè pensava che Tetsuya fosse morto come lo credevano i personaggi che assistevano al combattimento dalla fortezza delle scienze).

        Si, confermo che paragonare opere di decenni fa (come ID4) con quelli attuali non ha senso. Pensa se Star Wars uscisse quest’anno per la prima volta (ovviamente con gli effetti speciali allo stato dell’arte attuale): sarebbe un flop bollato come film per bambini..
        Del Toro secondo me non cercava la trovata commerciale, ma voleva realizzare un sogno: un filmone con robottoni che menano mostroni.

        Vediamo di recuperare Atlantic Rim, quello dovrebbe essere un pò ironico-tendente al demenziale (senza volontà degli autori però 🙂 )

        • ayana ha detto:

          atlantic rim… ho riguardato il trailer, ma…
          NON CE LA FACCIO! è troppo pattone 😀
          uh, una cosa: go nagai era interessato al cinema sci-fi degli anni d’oro di hollywood e a qst s’è ispirato per alcuni lavori.
          sarà una coincidenza? io nn credo! 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi